Italia e islam. Culture, persone e merci dal Medioevo all’età contemporanea

Presentazione del libro a cura di Daniele Mascitelli e Renata Pepicelli

Nell’ambito della rassegna “Pisa e il mondo arabo”, giovedì 30 novembre alle 17:30 presso l’Auditorium di Palazzo Blu, si tiene la presentazione del volume a cura di Daniele Mascitelli e Renata Pepicelli “Italia e islam. Culture, persone e merci dal Medioevo all’età contemporanea” (Carocci, 2023).

Interverranno Stefano Allievi e Simone Collavini, saranno presenti la curatrice e il curatore, autrici e autori.

Accesso a partire dalle ore 17:00.
È possibile prenotare l’ingresso su eventbrite o, in alternativa, presentarsi direttamente presso l’auditorium di Palazzo Blu, fino al raggiungimento del numero dei posti disponibili

Il volume fa parte della collana editoriale I Tempi e le Forme del Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere.

Daniele Mascitelli insegna Lingua e letteratura araba all’Università di Pisa. È autore, tra l’altro, di Culture dell’Arabia preislamica (Roma 2021).

Renata Pepicelli insegna Islamologia e Storia del mondo arabo contemporaneo all’Università di Pisa.

Italia e Islam

Le relazioni fra l’Italia e il mondo islamico, sviluppatesi in un lungo arco temporale, sono frutto di una molteplicità di esperienze e forme di contatto che vanno dalla dialettica politica e religiosa, all’interscambio commerciale, sociale, materiale e culturale al confronto bellico.

Il volume raccoglie studi e ricerche, condotte da diversi studiosi e studiose, che da prospettive disciplinari plurali analizzano la lunga storia del rapporto dell’Italia con l’islam. I contributi indagano alcune di quelle tante vicende ed esperienze che delineano – a dispetto di molte narrazioni che negano o marginalizzano l’importanza di questa storia – una relazione caratterizzata da una significativa continuità, che tende ad assumere, nella storiografia come nella realtà di tutti i giorni, una crescente rilevanza.


Il volume sul sito dell’editore Carocci

Scopri la collana I Tempi e le Forme

Back to top