Obiettivi formativi


    Il corso di laurea in “Orientalistica: Egitto, Vicino e Medio Oriente” intende formare specialisti sulle civiltà antiche e medievali dell’Egitto e del Vicino e Medio Oriente (compresa l’area caucasica) a partire dall’ampia base degli insegnamenti archeologici, filologici, letterari, linguistici e storici offerti per le diverse aree geografiche e culturali indicate. A tal fine, pur privilegiando lo studio dell’archeologia e storia dell’arte, della storia antica e medievale, nonché delle lingue e letterature antiche, il corso di laurea prevede anche la possibilità di acquisire conoscenze adeguate della storia, della cultura e delle lingue delle aree di riferimento per le epoche successive.

    Il corso di laurea si propone di fornire allo studente avanzate competenze scientifiche, teoriche, metodologiche ed operative relative al settore dell’archeologia in una o più delle aree comprese nel suo ambito (Egitto, Vicino e Medio Oriente); una preparazione approfondita, metodologica e storica, negli studi linguistici, filologici e letterari delle civiltà interessate dal corso di laurea; una solida conoscenza della storia e delle fonti scritte antiche relative; competenze nel settore della gestione, conservazione e restauro del patrimonio archeologico, artistico, documentario e monumentale; capacità autonoma di ricerca ed approfondimento di dati archeologici, storici, filologici da biblioteche, archivi, banche dati. Si propone inoltre di sviluppare nello studente la capacità autonoma di affrontare, comprendere, analizzare e organizzare dati complessi; di tradurre testi e documenti dall’originale; di usare strumenti specifici (antropologici, archeologici, epigrafici, filologici, linguistici, paleografici) per studiare dati e documenti di particolari periodi, mettendo in connessione i dati archeologici con quelli storici e filologici, secondo i canoni e le terminologie accettate nella ricerca del settore interessato; la capacità di analisi e sintesi, senso critico e autonomia di giudizio; l’abilità di comunicare, per scritto o oralmente, le proprie competenze a interlocutori specialisti e non specialisti; la padronanza di almeno una lingua dell’Unione europea oltre l’italiano, con riferimento anche ai lessici disciplinari, e la capacità di utilizzare criticamente i principali strumenti informatici negli ambiti specifici di competenza e la comunicazione telematica – dalla ricerca di bibliografie tematiche alla consultazione di fonti online, ove disponibili.

    A tal fine il corso di laurea magistrale prevede insegnamenti organizzati sia sul modello frontale che seminariale, che consenta la partecipazione attiva degli studenti tramite lavori di ricerca coordinati e seguiti dal docente. L’esperienza formativa viene inoltre completata con la partecipazione a laboratori, stages, tirocini presso Musei ed altre istituzioni, allo scopo di preparare ed avviare all’esercizio delle professioni di riferimento. Per talune aree del corso, la presenza di convenzioni internazionali e le attività di scavo esistenti consentiranno inoltre sia la possibilità di integrare e specializzare all’estero la propria formazione, sia la partecipazione ad esperienze di scavo, stages e tirocini all’estero.