Prova finale dal 2017/18

In vigore per gli immatricolati dall’aa 2017/18

Il Regolamento della prova finale costituisce parte integrante del Regolamento del Corso di Studi in Filosofia

Art. 1 – Prova Finale

La Prova Finale consiste nella discussione (con valutazione) davanti ad una commissione ufficiale di un elaborato (Tesina) attraverso la quale lo studente deve dimostrare di aver acquisito la capacità di redigere un testo di carattere saggistico. La prova finale vale 6 CFU.

Art. 2 – Tesina

L’elaborato consiste in un lavoro individuale. Salvo deliberazione del Consiglio del Corso di Studi, il tema dell’elaborato è assegnato da un docente (Relatore) scelto dallo studente, che sia titolare di un insegnamento compreso tra le discipline incluse nel Corso di Studi in Filosofia e in Filosofia e Forme del Sapere.

L’elaborato dovrà essere presentato sotto forma di un testo breve (di circa 50 cartelle, di circa 2800 caratteri l’una), ma strutturato, di carattere saggistico, articolato in paragrafi, con citazioni e riferimenti bibliografici.

Art. 3 – Esame di Laurea

1. La Tesina sarà sottoposta al giudizio di una Commissione preliminare, composta da 3 membri: il Relatore, che firma la Tesina, ed altri due docenti nominati dal Presidente su proposta del Consiglio del Corso di Studi Aggregato. Tale Commissione prenderà in esame esclusivamente la Tesina e la relativa sua discussione, e formulerà un proprio giudizio (espresso in trentesimi) sul lavoro svolto dal candidato. Il voto farà media con i voti degli esami di profitto, come specificato dall’art. 4.

2. La Commissione di Laurea (composta da cinque docenti e nominata secondo quanto previsto dal Regolamento Didattico di Ateneo, art. 8, commi 1, 2, 3) terrà conto, nella valutazione del candidato, del risultato della discussione della Tesina e delle votazioni riportate negli esami di profitto. A seguito della valutazione il candidato verrà proclamato Dottore in Filosofia.

Art. 4 – Voto di Laurea

Il voto di Laurea, espresso in /110 con eventuale lode, sarà attribuito dalla Commissione di Laurea sulla base del curriculum dello studente e della sua maturità scientifica e di preparazione, verificate attraverso la Prova Finale, con le seguenti norme:

  • La media dei voti in /30 ottenuti negli esami di profitto e nella prova finale viene convertita in /110 e successivamente arrotondata all’intero più vicino.
  • A questo voto si aggiungono:

1 punto se nella prova finale si è ottenuta una votazione compresa tra 22/30 e 26/30

2 punti se nella prova finale si è ottenuta una votazione compresa tra 27/30 e 29/30

3 punti se nella prova finale si è ottenuta una votazione pari a 30/30

0,25 punti per ogni lode conseguita negli esami parziali, sia da 6 cfu che da 12 cfu, con successivo arrotondamento all’intero più vicino

La lode viene conferita quando a) la media raggiunge almeno i 110/110, e b) la Prova Finale è stata valutata degna di lode.

Art. 5 – Adempimento e scadenze

Lo studente dovrà presentare, secondo quanto stabilito dall’Ateneo, apposita domanda di laurea alla Segreteria Studenti rispettando le modalità e i tempi da essa indicati.

Almeno 30 giorni prima dell’appello il candidato deve presentare domanda alla Segreteria studenti tramite il portale Alice. Almeno 15 giorni prima della data d’inizio dell’appello, il candidato deve consegnare in segreteria studenti il libretto degli esami con una sua fotocopia. Entro la data d’inizio dell’appello, il candidato deve far pervenire una copia del suo elaborato alla segreteria didattica (sig.ra Fornesi) e al relatore, salvo diversi accordi presi con il relatore stesso.

In seguito, il candidato dovrà discutere la tesina davanti alla Commissione preliminare. Al termine della discussione, il relatore dovrà consegnare alla Segreteria didattica l’apposito verbale (utilizzando la modulistica predisposta).

Non saranno accettati verbali consegnati personalmente dagli studenti.

Per il calendario delle lauree e delle scadenze vedi il sito web del Dipartimento di Civiltà e forme del Sapere.