In uscita “L’opulenza del Brasile coloniale. Storia di un trattato di economia e del gesuita Antonil” di Matteo Giuli, il nuovo volume della collana editoriale del Dipartimento di Eccellenza

volume giuli eccellenza

Nella collana editoriale “I Tempi e le Forme” del Progetto di Eccellenza del Dipartimento di Civiltà e Forme del Saperesi segnala l’uscita del nuovo volume di Matteo Giuli dal titolo “L’opulenza del Brasile coloniale. Storia di un trattato di economia e del gesuita Antonil (Carocci, Roma, 2021), disponibile nelle librerie dal 27 maggio.

Abstract

copertina-libro-giuliAnalizzando un trattato di economia di inizio Settecento, intitolato Cultura e opulencia do Brasil, e tracciando il profilo biografico del suo autore, il gesuita André João Antonil, il volume propone uno studio su più livelli del Brasile coloniale, affrontando vari argomenti: quello economico, relativo alla produzione di zucchero e tabacco, all’estrazione di oro e argento, all’allevamento bovino e al commercio del cuoio; quello religioso e missionario, legato sia al confronto tra cristiani, ebrei e cristiani-nuovi, sia alla convivenza, in ambito rurale, tra coloni, indigeni e schiavi africani; e ancora quello più propriamente politico-istituzionale, dovuto all’esistenza di scontri fazionari all’interno della Provincia gesuitica brasiliana, con conseguenze sui rapporti tra i suoi membri, la Curia generalizia di Roma, la Monarchia portoghese e le autorità locali.

Tutto ciò permette di delineare il discorso performativo alla base di tale trattato, che rivendica la compenetrazione tra dominazione coloniale e catechesi cristiana per legittimare, entro il quadro di un pragmatico mercantilismo, il ruolo della grande produzione agricola in una delicata fase di passaggio apertasi, in Brasile, con la scoperta dell’oro. Quello di Antonil non è tanto un testo di mera economia, quindi, quanto piuttosto di “economica”, nel solco del patrimonio culturale classico e in parte della trattatistica rinascimentale.