Prova finale


    La prova finale consisterà nella discussione di una dissertazione scritta nell’ambito di una qualsiasi disciplina inclusa in uno dei settori scientifico-disciplinari elencati nel Regolamento della prova finale. La dissertazione dovrà avere il respiro di una monografia scientifica e dimostrare un’informazione approfondita sull’argomento prescelto e sugli studi al riguardo e adeguate capacità di impostazione metodologica e di orientamento critico, che consentano il raggiungimento di risultati almeno in parte originali.

    Il voto di laurea, che è espresso in centodecimi con eventuale lode, deve esprimere una valutazione del curriculum dello studente e della preparazione e maturità scientifica raggiunta al termine del corso di laurea.

    Un apposito Regolamento della prova finale di Laurea che fa parte integrante del Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Archeologia, determina le procedure di nomina della commissione ufficiale ed i criteri per la definizione del voto di laurea.

    La prova finale consiste nella discussione di una dissertazione scritta che dovrà avere il respiro di una monografia scientifica e dimostrare un’informazione approfondita sull’argomento prescelto e sugli studi al riguardo e adeguate capacità di impostazione metodologica e di orientamento critico, che consentano il raggiungimento di risultati almeno in parte originali.

    La prova finale deve insistere su uno dei seguenti settori scientifico-disciplinari:

    • L-FIL-LET/01 Civiltà Egee
    • L-ANT/09 Topografia antica
    • L-ANT/10 Metodologie della ricerca archeologica
    • L-ANT/01 Preistoria e Protostoria
    • L-ANT/04 Numismatica
    • L-ANT/06 Etruscologia e Archeologia Italica
    • L-ANT/07 Archeologia classica
    • L-ANT/08 Archeologia cristiana e medievale
    • L-ART/04 Museologia e critica artistica e del restauro
    • BIO/08 Antropologia
    • MED/02 Storia della medicina

    Alla prova finale sono riservati 24 cfu.

    Il voto di laurea, espresso in 110/110 con eventuale lode, sarà attribuito dalla Commissione di laurea, sulla base del curriculum dello studente, della sua maturità scientifica e preparazione attestata attraverso la prova finale di laurea, con i seguenti criteri:

    * per il calcolo della media del candidato, si tiene conto di tutte le attività utili ai fini del raggiungimento dei 120 CFU prescritti che comportino una valutazione in trentesimi e corrispondano ad un minimo di 6 CFU;

    * il conteggio della media verrà effettuato attraverso la ponderazione cfu/voto. La media così ottenuta in trentesimi, sarà convertita in 110/110 e successivamente arrotondata all’intero più vicino (–,50 all’intero inferiore – –,51 all’intero superiore);

    * le lodi non hanno valore numerico; sarà compito della commissione valutarne il peso ai fini dell’attribuzione del voto finale;

    * alla votazione risultante la Commissione potrà aggiungere fino a un massimo di 6 punti, sulla base della qualità e dei risultati del lavoro svolto e documentato dalla tesi;

    * qualora il candidato raggiunga il punteggio di 110, la Commissione potrà aggiungere la lode, deliberando a maggioranza, nel caso in cui la tesi sia giudicata di notevole qualità scientifica.